I Quaderni

I QUADERNI DI PROGETTO RECYCLE

L’edizione che leggerete è un “the best of” di articoli tratti dai numeri precedenti che rappresentano, a nostro avviso, nel modo migliore il nostro percorso sia come rivista che, e soprattutto, come associazione.
Gli articoli toccano tutte le tematiche di cui ci siamo fatti portavoce:
– Il recupero delle tradizioni artigianali e l’utilizzo di tecniche e forme diverse
– La storia di un territorio e di un suo prodotto come valore aggregativo per le aziende di dimensioni minori
– Riconsiderare la produzione industriale: l’innovazione di prodotto e di processo
– La comunicazione del “riciclo e riuso” sia come cultura che come opportunità di business
– Le tecnologie costruttive, i limiti ecologici e la sostenibilità sistemica
Da ultimo, anzi per primo, un nuovo articolo su una interessante realtà delle Marche. Una start up, nata tre anni fa attraverso una ricerca costante e dettagliata sul turismo esperienziale e di relazione, che ben rappresenta l’identità di un territorio fatto di piccole attività artigiane e di turismo sostenibile.

Dalla Mostra di Carla A. Bordini Bellandi, ENCHANTED NATURE alla conferenza e fino a questo Quaderno, tutto è stato, ed è, un invito a guardare da un’altra prospettiva la tematica dell’ambiente, o per meglio dire della relazione contrastante tra uomo e ambiente.

Contributi di taglio e stili diversi, accomunati dalla ricerca dell’identità dell’uomo e del suo rapporto con l’ambiente, trattano di varie forme di resilienza, di riciclo, di ricostruzione, di recupero del patrimonio culturale, di integrazione fra cultura, impresa e ambiente, affidando all’arte il ruolo di catalizzatore nell’opera di sensibilizzazione dei singoli.

Un nuovo progetto che si congiunge a quanto fatto finora. Sono due articoli che raccontano di due mondi diversi ma non disgiunti. Da una parte il Local Guide Summit 2017 a San Francisco e dall’altra i monti italiani. Google con le domande sull’ accessibilità per disabili, in Italia la scoperta di un sentiero (non nascosto, semplicemente non posto in evidenza) mentre alcune Local Guides e il nostro Ermes salgono verso il Vettore. Buona lettura e buona visione, le foto sono molto belle…

Il Quaderno 4 è dedicato a Norcia, Castelluccio di Norcia e all’evento “Tutti Agibili per un giorno” che si è svolto a Visso il 24 giugno 2017.
E’ il 24 agosto 2016 quando un violento terremoto colpisce l’Italia centrale. Castelsantangelo sul Nera, piccolissimo comune marchigiano, subisce gravi danni soprattutto per la sua attività economica più importante: la casa di riposo. Sfortunatamente un nuovo terremoto in ottobre distrugge completamente questa attività.
Questo è l’inizio di “Tutti Agibili per un Giorno”  “Un aiuto concreto per Castelsantangelo sul Nera” e “Progetto Re-Cycle” si incontrano. Due organizzazioni diverse, obiettivi diversi ma un obiettivo in comune: una diversa percezione del business, un business che può essere sviluppato “mescolando” imprenditorialità, solidarietà, tecnologia e cultura.

Cos’è Il riciclo? SI può coniugare la cultura del riciclo con il “fare impresa”?

E’ da questo concetto che si è sviluppato l’evento del 5 maggio scorso alla Fondazione Villa Fabris in provincia di Vicenza.

Negli articoli che seguono troverete i modi diversi e connessi di interpretare il riciclo

L’Associazione Ville Venete e la valorizzazione del patrimonio artistico e del territorio, Villa Fabris e la rinascita di una villa antica come prestigioso “laboratorio culturale”, Giorgio Gaino e la rilettura del prodotto in termini ecosostenibili, Ermes Tuon e Lucio Virzì coinvolti in due progetti, Re-Building e #viaguerra1518 che rileggono due territori e due storie con un mix di cultura e tecnologia, e non ultimi Giulia Ciliberto e Roberto Salvato con le scelte della Rivista e con la difficoltà di comunicare il riciclo

Anche questo secondo Quaderno è dedicato alle zone del sisma. Saremo concentrati sulle zone di Castelsantangelo sul Nera, Ussita, Visso e Norcia e sui modi di gestire la possibile e auspicata ricostruzione.

I centri più piccoli e sconosciuti, anche se incredibilmente belli, sono quelli che stanno soffrendo di più lo spopolamento e l’isolamento, la sensazione di essere dimenticati. Per fare fronte a tutto ciò si sono costituite associazioni di cittadini e imprenditori e, anche se con modalità a prima vista diverse, l’obiettivo è comune: restare nelle proprie terre e dalle macerie far crescere qualcosa di nuovo.

Questo è il primo Quaderno, Spin off della Rivista.

Perché abbiamo voluto creare questo spin off? Innanzitutto ci ha spinto l’esigenza un dialogo maggiore con chi ci segue, a questa si è aggiunto il desiderio di far uscire degli articoli su tematiche più circoscritte.

Questo Quaderno si occupa del Centro Italia colpito dal sisma

E’ per poter procedere con la rilettura di questo territorio che abbiamo scelto tre articoli di taglio in apparenza completamente diversi ma collegati tra di loro in un flusso continuo di passato, presente, futuro.  Il passato di un territorio letto con le mappe antiche, il presente rappresentato dall’emergenza, e il futuro, con altre mappe, rappresentato da Google. Se non si rilegge il passato non può esserci futuro

Utilizzando il sito e compilando il form come sostenitore, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostrae dichiari di aver letto e accettato la nostra provacy policy maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi